La mastoplastica additiva è l’intervento che permette di aumentare il volume del seno, sia quando questo non si è mai sviluppato in modo completo, sia quando ha perso tono e volume in seguito a calo di peso o allattamento. La mastoplastica additiva comporta l’impianto di protesi, collocate a seconda dei casi sotto la ghiandola mammaria oppure più in profondità, sotto il muscolo pettorale. In base alla preferenze del chirurgo e alle caratteristiche della paziente, le protesi possono essere impiantate utilizzando diverse vie d’accesso: tramite un’incisione in corrispondenza dell’areola, a livello del solco mammario o nell’ascella. Le protesi mammarie sono realizzate in materiali diversi (le più usate sono in gel di silicone, ma sono anche disponibili protesi riempite con soluzione fisiologica o idrogel) e possono essere rotonde, cioè con base circolare, oppure anatomiche, cioè con forma a goccia. L’intervento può avvenire in anestesia locale, locale con sedazione o generale.

 

Scarica l’opuscolo informativo in formato PDF