Il PRP – Plasma Ricco di Piastrine  è un prodotto di derivazione ematica per uso non trasfusionale. Il PRP è un concentrato di piastrine autologo ottenuto mediante centrifugazione del sangue e caratterizzato dalla forte concentrazione di fattori di crescita. La sua capacità di stimolare la rigenerazione dei tessuti lo rende il fondamento di numerose metodiche in campo medico, soprattutto nell’ambito della chirurgia plastica e rigenerativa.

La paziente che deve essere trattata con PRP viene sottoposta ad un prelievo di sangue. Questo sangue viene successivamente inserito in un apposito dispositivo e centrifugato per separare le piastrine dalle altre componenti cellulari, in modo da ottenere un prodotto ad alta concentrazione piastrinica, che viene utilizzato per il trattamento estetico.

Il meccanismo di azione del PRP, che viene iniettato nella paziente, è dovuto ad un lento e continuo rilascio dei fattori di crescita presenti in abbondanza nei granuli piastrinici. Questo rilascio stimola la produzione di fibre di collagene. Ecco perché il trattamento con PRP equivale a una vera e propria “cura ristrutturante” per la pelle e permette di ottenere risultati davvero formidabili in termini di ringiovanimento.  Il trattamento non prevede l’utilizzo di anestesia, non è doloroso ed è ben tollerato dalla maggior parte dei pazienti che lo scelgono. Nel caso in cui le zone da trattare siano particolarmente sensibili per ovviare a possibili fastidi si ricorre ad una anestesia locale.
Il numero delle sedute a base di PRP dipende dal tipo di inestetismo da correggere.